Prima di commentare la nostra gara vista dagli organizzatori mi sembra più giusto sentire i commenti di chi la gara l’ha vissuta da dentro, faticando nei 17km e nei 36km di gara.

Invitando tutti i partecipanti a lasciare un proprio commento, ringraziamo ancora tutti della partecipazione.

Lo staff di Albenga Runners

 

This entry was posted on lunedì, ottobre 7th, 2013 at 14:14 and is filed under Articoli. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

5 commenti a “Trail Monte Picaru

  1. FABRIZIO on ottobre 7th, 2013 at 18:08

    è stato il mio primo trail……la perfetta organizzazione, il fantastico itinerario, la cordiale accoglienza, mi hanno caricato di voglia e grinta per continuare ad allenarmi per questo genere di corse.
    grazie ancora e complimenti sinceri
    Fabrizio

  2. marco godino on ottobre 7th, 2013 at 21:49

    Ciao!!! Bella gara, come al solito le mie partenze un po fuori dal mio range ha compromesso un po la parte finale.. Ma molto divertito… Bravi tutti, peccato per il vento che ha fatto volar via un paio di fettucce.. Ciaooooo

  3. Mauro Sevega on ottobre 8th, 2013 at 08:02

    Come sempre l’arte del mugugno trionfa, chi critica la cosa fatta o quella da fare… l’importante per me è ringraziare tutti quelli che dedicano il loro tempo, con passione e buona volontà, per far si che tutto vada bene.
    Grazie Albenga Runners.

  4. Andrea Risso on ottobre 9th, 2013 at 15:44

    Devo essere sincero, nonostante sia di Genova (quindi relativamente vicino), non conoscevo il vostro trail. L’ho scoperto grazie ad una mail che lo sponsorizzava, inviatami qualche tempo fa da Antonello.
    ho deciso di iscrivermi…… e non me ne sono pentito !!! Mi sono divertito molto ed ho trovato il tracciato (36 km) molto interessante e divertente (anche la salita spacca gambe !!!!)
    Grazie per tutto !!!

  5. Patrizia on ottobre 9th, 2013 at 21:27

    Mia prima volta in questa gara e mio primo podio (sul gradino più alto) in questo genere di gare. Percorso e ambiente (a me già ben noto dal lato arrampicatorio – vedi il versante più roccioso affacciato sulla Val Pennavaire) stupendi, un tuffo in mezzo alla natura e nella tranquillità, per staccare con la mente da tutto il resto e pensare solo al momento (bello ed emozionante) che si sta vivendo. Peccato che più di tanto dislivello non si riesce a tirar fuori … bisognerebbe innalzare la quota dei monti! Complimenti agli organizzatori per tutto e per il notevole buffet finale.

Lascia un commento